• Redazione

>Tra poco meno di un mese i cittadini di Terme Vigliatore riavranno il loro Sindaco<



(POLITICA)

>Ormai si è vicini a nuove elezioni amministrative, indette per il 10 e 11 ottobre in Sicilia, per eleggere i nuovi sindaci che dovranno guidare i loro rispettivi comuni per i prossimi cinque anni, tra i quali, il comune di Terme Vigliatore dove la campagna elettorale è in pieno fermento. Sono tre i candidati chiamati a contendersi la guida cittadina dopo lo sfratto politico all’ex sindaco Domenico Munafò avvenuto lo scorso dicembre con una mozione di sfiducia a firma di alcuni consiglieri del civico consenso, i quali, hanno preferito il commissariamento del comune.


Da qualche giorno è iniziata un’altra partita con una nuova sfida a tre: Bartolo Cipriano, Domenico Munafò e Nino Chiofalo.


Tutti i candidati sono impegnati a lottare per provare a sedersi alla guida del Palazzo Municipale, in una comunità di poco più di settemila abitanti, dove tutti i vari Onorevoli regionali e nazionali sono scesi in campo "a gamba tesa" per poter incidere sui candidati prescelti, e per contribuire notevolmente alla loro vittoria finale.


Da voci da bar sarebbe favorito Bartolo Cipriano, ma non si escludono per la vittoria gli altri due candidati, Chiofalo e Munafò, i quali sono ben determinati per dare filo da torcere a chi da un ventennio è stato il sindaco di quella comunità, conosciuta anche per l'estensione di fiori del verde pubblico e per le numerose aziende di molti produttori vivaisti, impegnati da sempre nella produzione delle piante di agrumi ornamentali e non solo.


Oggi nulla è perso per ottenere la leadership, con i vari candidati al consiglio comunale a caccia di voti porta a porta, per raggiungere l’obbiettivo di vincere le elezioni e rimettersi alla guida amministrativa di quel comune.<

Banner Splash.jpg