• Redazione

Terza sezione in protesta al Carcere V. Madia di Barcellona. Lo comunica la Federazione CO.S.P.


La Casa circondariale Vittorio Madia di Barcellona Pozzo di Gotto. La Federazione Sindacale CO.S.P. chiede l'invio di almeno 50 nuovi Agenti

Sono stati impegnati per diverse ore alla Casa Circondariale "Vittorio Madia" di Barcellona Pozzo di Gotto gli Agenti di Polizia Penitenziaria che hanno dovuto gestire, ancora una volta, presso la 3 sezione detentiva la irragionevole ira dei reclusi che a tarda sera, verso le ore 20, ora di chiusura del reparto, essendo una sezione a regime detentivo dinamica alcuni detenuti si sarebbero prima a parole e poi con i fatti negati di rientrare nelle celle.


La situazione di sovraffollamento detentivo, la grave conosciuta carenza di

personale specificatamente di uomini rispetto al recente invio di un piccolo contingente donne di Polizia femminile, ha messo a dura prova il pronto immediato intervento della Polizia Penitenziaria, con molti agenti richiamati in servizio, anche se liberi per turni precedenti effettuati ha fatto rientrare la durissima protesta dell'intero reparto detentivo, della sola 3 sezione, fino alle ore 1 di notte, quando la situazione è tornata a fatica nella quasi normalità.

Ci sarebbero alcune celle rotte, danni che si sarebbero verificati all'interno della 3 sezione della struttura carceraria, dove solo per fortuna al momento non vengono segnalati feriti.


La Federazione Sindacale CO.S.P. chiede l'invio di almeno 50 nuovi Agenti, con unità maschile che possano rafforzare le attuali sezioni detentive, lasciate a poche unità, con turni di 8 e 10 ore con un carico di lavoro straordinario, oltre ad ogni misura e con scarsa qualità della vita dei poliziotti.

L'Amministrazione centrale continua ad inviare agenti a supporto degli uffici giudiziari, indebolendo così facendo la sicurezza delle prigioni italiane. Serve una politica seria, duratura e di contenimento delle risorse umane e non di spreco in sedi extramoenia.


La federazione CO.S.P. ed il Segretario Generale Nazionale Domenico Mastrulli da mesi é impegnata sul piano nazionale, raccoglie oltre 54.000 detenuti con un surplus di mancanza posti letto denunciata anche da altre Associazioni, con crescente numero di persone contagiate da Covid-19 che ha raggiunto oltre 1000 agenti di Polizia Penitenziaria e 850 reclusi, come da ultimo reporter del DAP

Banner Splash.jpg