• Redazione

SANITA' [Tavolo tecnico con i vertici Asp Messina, su: "Ospedale Cutroni Zodda di Barcellona"]


<Ospedale Barcellona, tavolo tecnico oggi al Comune per trovare intesa tra capi gruppo del consiglio, sindacati e vertici dell'Asp Messina>



Un tavolo tecnico per mettere a fuoco la situazione attuale dell’Ospedale Cutroni Zodda di Barcellona e trovare modi e soluzioni per riportarlo Ospedale di Base, in modo di dare all'utenza le giuste risposte e le necessarie garanzie sull'efficenza della struttura ospedaliera che dovrà rispondere alle diverse esigenze che fanno parte del comprensorio del distretto P28 rimasto a lungo senza servizi.

Seduti al tavolo tecnico, oltre al presidente del consiglio Angelo Paride Pino, i consiglieri Carmelo Pino, Melangela Scolaro, Antonio Mamì, David Bongiovanni, l’assessore Santi Calderone e l'avv. Rino Nania.

Per l’Asp Messina presenti il direttore sanitario Domenico Sindoni e il collega dott. Paolo Cardia. Presenti anche alcuni rappresentanti dei sindacati: Carmelo La Malfa riferente della Cisl, Salvatore Chiofalo Cgil, La Rocca Fials e Cavallaro per la Uil Medici.


Per la Cisl Barcellona «Quella dell’ospedale di Barcellona non è una battaglia contro l’Asp ma deve essere quella della città, che deve ascoltata politicamente a Palermo». A dirlo è Carmelo La Malfa, referente della Cisl Messina a Barcellona Pozzo di Gotto, che questa mattina ha partecipato alla riunione convocata al Comune sul futuro del Cutroni Zodda. «Ci è stato comunicato che lo scorso 11 novembre è stata presentata alla Regione la nuova pianta organica che comprende anche il Pronto soccorso – prosegue La Malfa -. Anche se dovessero, a dicembre, approvare la pianta organica il problema non sarebbe risolto definitivamente. Occorre dare sicurezza al presidio attraverso la garanzia della presenza di quelle figure di medici essenziali per la struttura. Andremo avanti nella battaglia che stiamo conducendo, continueremo il nostro impegno a cominciare dalla manifestazione del 2 dicembre che dovrà rappresentare un grido unico di tutta la città».

Per la Cgil Barcellona

<E’ arrivata una smossa con la pianta organica -afferma Salvatore Chiofalo Cgil- ora bisogna vedere cosa farà l’Assessore Regionale. Pretendiamo delle dichiarazioni dei vertici Asp, per rimettere in piedi il Cutroni Zoddda, con tutti i reparti funzionanti. Tuttavia, non alleggeriremo la nostra azione di protesta prevista per il due dicembre, se dopo non ci sarà l’incontro richiesto con il presidente della Regione Renato Schifani e il neo assessore alla sanità Giovanna Volo, promuoveremo altre azioni di protesta ancora più incisive. Nessuno pensi che con le "molliche" dell’Asp ci accontenteranno.

Ad incalzare il direttore dell' Asp Domenico Sindoni, il consigliere David Bongiovanni, il quale, ha elencato alcuni passaggi fondamentali e mirati, anche sui concorsi e sul mancato potenziamento dell'organico, chiedendo sul perchè da tempo si è inceppato il meccanismo del Cutroni Zodda di Barcellona>.

Banner Splash.jpg