top of page
  • Redazione

SANITA’ [Per il corteo del due dicembre, da oggi parte il conto alla rovescia]

Cresce l'attesa in città per il corteo di giorno 2 dicembre, organizzato per il potenziamento dell'Ospedale Cutroni Zodda di Barcellona PdG


(La foto fa riferimento all'ultima protesta dello scorso 21 maggio davanti a uno degli ingressi del Cutroni Zodda, organizzata dal gruppo di Forza Italia di Barcellona)



Ospedale: "in ogni luogo non si parla d’altro"


L’Ospedale è l’argomento all'ordine del giorno in ogni ambiente della città: bar, saloni da barba, parrucchieri e persino negli ambienti più impensabili ormai è tema di discussione.


Proprio di questo si parla tanto, perché tutti possono avere prima o poi bisogno del proprio Ospedale; senza dubbio quello più vicino che consenta ad ogni cittadino di usufruirne, senza andare troppo lontano di una struttura nella propria città. Stiamo parlando di Barcellona pozzo di Gotto, città di oltre 40mila abitanti che con i piccoli comuni del comprensorio arrivano a 100mila utenti.


Ora basta dicono in molti, è arrivato il momento di agire per far capire che non è più tempo di essere presi per i “fondelli” da chi gestisce la sanità in Sicilia e non tiene minimamente conto delle esigenze dei cittadini.


Parole, parole e solo tante belle parole, fatti fino ad oggi non se né sono visti.

Allora, ecco la reazione della popolazione che venerdì prossimo, 2 dicembre, dirà basta a questa assurda situazione che da alcuni anni persiste all’Ospedale di Barcellona.


Comitati, associazioni, scuole superiori insieme a tanta gente comune del territorio scenderanno in piazza, per dire basta a questo massacro sulla sanità barcellonese.

Il corteo partirà in mattinata da Piazza Duomo e si snoderà davanti al Cutroni Zodda, dopo aver attraversato alcune strade della città.

Banner Splash.jpg
bottom of page