• Placido Calvo

"Rifiuti a cielo aperto". A Barcellona manca anche una vera e continua campagna di sensibilizzazione


Uno dei tanti luoghi della città dove vengono giornalmente accatastati rifiuti di ogni genere. Una situazione di degrado ambientale che cresce giornalmente in modo incontrollato

Il successo della raccolta differenziata dipende principalmente da tre fattori: l'organizzazione di servizi di raccolta integrata efficaci, la realizzazione degli impianti di supporto alla raccolta differenziata e la consapevolezza e partecipazione attiva dei cittadini.

E' importante intervenire nelle scuole della città di Barcellona, educando tutti i ragazzi, gli stessi dovranno comunicare con i propri genitori. Anche il comune dovrà diffondere continuamente messaggi sui comportamenti dei propri cittadini, potrebbe essere una buona soluzione per inculcare nella gente il modo di come vanno gestiti i rifiuti.

Rifiuti ingombranti come elettrodomestici, vecchi materassi, materiale edile di scarto, ma anche sacchetti di pattume indifferenziato, plastica e organico, sono spesso il biglietto da visita in cui i cittadini si imbattono all’ingresso delle città, nelle zone periferiche, nelle scarpate e campagne, in discariche improvvisate ai cigli delle strade. Si tratta, spesso, anche di rifiuti pericolosi, il cui impatto sull’ambiente e sulla collettività può essere estremamente dannoso.

Gli effetti dell’inciviltà di pochi diventano infatti onerosi per tutti, sia a causa del maggior carico di lavoro degli operatori ambientali, che per i costi di cui si deve sobbarcare la società che gestisce i rifiuti urbani e tutte le fasi del loro ciclo integrato. Si tratta, in sostanza, di soldi che andranno a gravare sulle tasse di smaltimento dei rifiuti dell’anno successivo e di conseguenza, sulle tasche dei cittadini. Spese che dovranno necessariamente essere coperte da tutti, anche da chi effettua correttamente la raccolta differenziata.

A questo si aggiunge maggiore attenzione anche del comune di Barcellona e della Dusty, l'azienda incaricata che non deve fare mancare la presenza delle isole ecologiche "come spesso avviene".


Banner Splash.jpg