top of page
  • Placido Calvo

[Nino e Francesca, "un amore spezzato". Dovevano tornare a casa per le feste di Natale]

CRONACA<Una triste notizia che coinvolge due comunità: Barcellona e Montagnareale>



Era partito dalla Sicilia come tanti altri giovani in cerca di un futuro migliore, ed invece il destino lo ha portato via dai suoi cari ad appena 26 anni.


All’anagrafe Antonino Calabrò, chi lo conosceva lo chiamava Nino, un giovane che voleva crearsi un futuro di vita migliore, soprattutto dal punto di vista personale e lavorativo aveva deciso poco più di tre anni fa di lasciare la sua terra di Sicilia per trasferirsi nel Regno Unito, li stava bene, lavorava in un Casinò poco distante dalla sua abitazione, con i genitori si sentiva spesso, ed era molto felice per la sua nuova esperienza di vita che stava portando avanti con tanta gioia e soddisfazione.


Anche la fidanzata Francesca Di Dio era felice di poter stare accanto al suo fidanzato; si rispettavano, si amavano e avevano entrambi un solo obbiettivo: vivere la vita con tanto entusiasmo. Ieri però qualcosa di strano è accaduto, quando una o più persone hanno deciso di remargli contro, scegliendo il modo più efferato e atroce per eliminarli. La Polizia Inglese li ha trovati senza vita nella casa dove Nino viveva da solo, da poco era andata a trovarlo Francesca, la fidanzata di Montagnareale che lui aveva conosciuto giù in Sicilia, ancor prima che partisse per andare all’estero.


Dovevano tornare per le feste di Natale, torneranno con i genitori che stamattina di fretta sono partiti per andare a trovarli.

Banner Splash.jpg
bottom of page