• Redazione

Il Covid fermerà la processione di San Sebastiano. Non la S.Messa dell'Arcivescovo Giovanni Acolla


San Sebastiano quest’anno si festeggia solo in chiesa, in Basilica con le dovute misure anti-covid.

Mancherà solo la processione per le vie cittadine, poi dal punto di vista prettamente eucaristico tutto sarà possibile, Mercoledì 20 gennaio, giorno dei festeggiamenti sono previste le messe di Padre Tindaro Iannello nei seguenti orari: ore 7.30 e 9.00 – alle 11.00 ci sarà la Santa Messa dell’Arcivescovo Metropolitano di Messina Mons. Giovanni Accolla

Dopo la Santa Pasqua dello scorso anno con la processione delle varette, anche la festa del Santo Patrono di Barcellona, San Sebastiano del 20 gennaio viene fermata dalla pandemia del Coronavirus. Non accadeva da una vita alla festa storica del Santo Protettore della città dover subire una pausa forzata, non dipendente dalla volontà della parrocchia o per altre cause, se non quella del Covid -19. Riuscendo a fermare tutto e tutti, impedendo ad ogni cittadino qualsiasi svago e addirittura di poter assistere alla festa del proprio Patrono. Causa emergenza della pandemia che in quest'ultimo periodo sta contribuendo ad aggravare la situazione nel mondo, dove i contagi aumentano di giorno in giorno, seminando tensione tra la popolazione. Ecco perché non è il caso di correre rischi ed evitare ogni manifestazione.

Se da un lato la processione per le vie della città di Barcellona verrebbe evitata, dall’altro la chiesa, in ogni caso, rimarrà aperta ai propri fedeli con le dovute precauzioni anti-covid che consentiranno di poter assistere ugualmente alla celebrazione delle messe programmate dalle ore 7 fino alle 11 del 20 gennaio, curate dal Parroco e dall'Arcivescovo il giorno dei festeggiamenti, per tenere viva la giornata dedicata al nostro Santo Protettore, San Sebastiano Martire, Patrono della città di Barcellona Pozzo di Gotto.

Quest'anno, purtoppo, non ci saranno le bancarelle, ma i nostri maestri pasticceri sapranno ugualmente deliziarci con la "ciaurrina", i quali si cimenteranno per farcela gustare ugualmente.

Il prodotto prettamente locale, sarà in vendita nei bar e nelle pasticcerie della città.

Tuttavia, è un modo per poterci consolare e per non farci perdere l'abitudine di gustarla, trattandosi di un'antica ricetta dei nostri vecchi maestri dolciari, assolutamente esclusiva, col brevetto made in Barcellona di Sicilia.


Banner Splash.jpg