top of page
  • Redazione

Condannata l'Asp [Due lavoratori trasferiti senza aver rispettato regolamento mobilità interna]


Comportamento antisindacale, Asp Messina condannata dal Tribunale del Lavoro dopo la denuncia della Cisl Fp. «Due lavoratori trasferiti senza aver rispettato il regolamento sulla mobilità interna»


L’Asp di Messina condannata per comportamento antisindacale. Sono due le sentenze pronunciate dai Giudici del Lavoro del Tribunale di Messina, dott.ssa Aurora La Face (procedimento per ricorso ex art. 28 L. 300/1970, iscritto al n. 5181/2022 R.G.) e dott.ssa Roberta Rando (causa iscritta al n. 5416/2022 reg. gen. sez. lavoro) dopo la denuncia presentata dalla Cisl Funzione Pubblica, nella persona della Segretaria Generale Giovanna Bicchieri, per avere l’Asp “disposto il trasferimento di due lavoratori senza la necessaria informazione sindacale preventiva ed il rispetto perentorio del Regolamento Aziendale sulla mobilità interna”.

«I regolamenti interni frutto della contrattazione collettiva integrativa sono sacri ed inviolabili – afferma Giovanna Bicchieri – lo hanno sancito con ben due sentenze esemplari i giudici del Tribunale del Lavoro, che hanno anche ordinato la pubblicazione per un mese dei due decreti nelle bacheche aziendali e sul proprio sito internet. Purtroppo ancora non è finita, siamo in attesa della pronuncia di altre sentenze analoghe di trasferimenti avvenuti senza alcun rispetto delle norme contrattuali e del regolamento sulla mobilità interna aziendale”.

La beffa, però, evidenzia la Cisl Funzione Pubblica è anche per i contribuenti. «In entrambi i giudizi che hanno comportato un evidente danno economico all’Asp Messina – afferma la Bicchieri - è stata affidata la procura ad avvocati esterni all’Asp di Messina, anziché ricorrere all’avvocatura interna».

Banner Splash.jpg
bottom of page