• Redazione

[Barcellona, omicidio Giovanni Catalfamo: arriva la condanna definitiva per Salvatore Micale]

<Dopo la condanna definitiva, scatta ordine di esecuzione per la carcerazione per omicidio a carico di Salvatore Micale>


Nella mattinata odierna, a Barcellona Pozzo di Gotto, i Carabinieri del R.O.S., con il supporto dei militari del Comando Provinciale Carabinieri di Messina, hanno dato attuazione a un Ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dall’Ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica di Messina, nei confronti di Micale Salvatore, 48 anni di Barcellona P.G.


Il provvedimento segue la sentenza della Corte Suprema di Cassazione emessa in data 16.09.2022 che ha determinato il rigetto del ricorso proposto dal Micale avverso la sentenza di condanna ad anni 30 di reclusione inflitta in I grado il 28.05.2020 e confermata dalla Corte d'Appello di Messina in data 14.10.2021, rendendo così definitiva la pena inflitta nei due gradi di giudizio.


Micale Salvatore era stato tratto in arresto dai Carabinieri del R.O.S. il 30 gennaio 2019, in Barcellona Pozzo di Gotto, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal GIP del Tribunale di Messina, su richiesta della locale D.D.A., ad esito dell’attività investigativa cd NEMESI che aveva puntualmente ricostruito una serie di omicidi commessi tra il 1997 e il 2001 per motivi afferenti alle dinamiche interne e agli interessi della famiglia mafiosa dei Barcellonesi.


In particolare Micale Salvatore è stato ritenuto responsabile, in concorso con altri pregiudicati, dell’omicidio di Catalfamo Giovanni, commesso a Barcellona P.G. il 29 settembre 1998, fatto aggravato poiché commesso avvalendosi delle condizioni di cui all’art. 416 bis c.p. e al fine di agevolare le attività dell’associazione di tipo mafioso c.d. dei Barcellonesi.


La raggiunta condanna definitiva si inserisce nell’ampia manovra di contrasto alla criminalità di tipo mafioso che l’Arma dei Carabinieri sta conducendo nel Distretto di Messina sotto la direzione della locale Procura della Repubblica.

Banner Splash.jpg