• Redazione

Barcellona e lo Sport. "Senza Bonina non c'è passione". (Calcio e Basket sanno di successo)

> di Placido Calvo <

Immacolato Bonina

Non si può dire che a Barcellona lo sport non ha mai avuto successo.

Non si può mai nascondere la realtà di quello che i barcellonesi hanno vissuto.

Se tutto ciò è stato possibile negli anni, bisogna riconoscerlo oltre ad altri, certamente più degli altri ad una persona, l’imprenditore e tifoso dello Sport Immacolato Bonina.


La sua grande passione inizia prima che arrivi il terzo millennio, con la squadra di calcio, l’Igea Virtus, ottenendo una storica promozione, dalla serie D alla C2 stagione 2000/2001


Anni che rimarranno tra le cose più belle per Barcellona.

L’allenatore di quella promozione era Gaetano Auteri.

La squadra annovera tra le proprie fila calciatori di categoria superiore per la serie D: Fabio Caserta, Francesco Millesi, Enzo Marchese, Giovanni Baratto, Diaw Doudou, Cristian Riganò, l'indimenticapile compianto numero uno Salvatore Brugnano che insieme a tanti altri calciatori contribuirono al salto di categoria; anche col certosino lavoro del compianto DS Nino Barone, artefice di anni indelebili per lo sport barcellonese.


Finita quella esperienza calcistica, Bonina si cimentò in un'altra disciplina sportiva, il Basket, un mondo nuovo per lui, che in quel genere di sport, forse, mai avrebbe immaginato di entrarci. Li Vecchi, Bucci, Soragna e lo stesso Coach Perdichizzi, (puro sangue barcellonese) riuscirono ad appasionare il loro presidente.

Bonina anche lì lasciò il segno. Ottenne in quella realtà sportiva, dove egli non conosceva le sue regole un’altra fantastica promozione in Lega2, sfiorando la serie A1.


Poi, da quando decise di gettare la spugna, anche in quel mondo, per lui sconosciuto, tutto finì, e di Barcellona rimase il vuoto, il Pala Alberti, rimasto da anni "Cattedrale nel deserto".


Insomma, oggi una cosa è certa: può anche non piacere, “Barcellona senza Immacolato Bonina, dopo oltre 20 anni di un appassionato presidente lo sport si è fermato”.

Banner Splash.jpg