• Redazione

Barcellona, buoni spesa regionali: Chi li ha visti? Dove sono finiti?



Riceviamo segnalazioni di alcuni cittadini che lamentano il fatto di non avere ricevuto i buoni spesa regionali.

Anche il Movimento Città Aperta con i consiglieri di opposizione Mamì e Campo hanno più volte denunciato mancanza di trasparenza nella gestione dell’emergenza del Covid-19.

I servizi sociali del comune di Barcellona, che hanno gestito la prima fase della distribuzione dei buoni spesa nazionali, dovranno far conoscere in modo chiaro e trasparente quale sia stato il criterio nella distribuzione degli stessi.

Ci sarebbe il sospetto che ci siano cittadini di serie A e cittadini di serie B.

La rimanenza dei buoni spesa regionali importo 247.326,00 euro dovevano essere distribuiti durante l'emergenza del coronavirus, mentre il comune e nello specifico i call center dei servizi sociali pare che abbiano fatto diverse telefonate ai richiedenti, ponendo alcune domande al telefono al limite della privacy su come vivono le famiglie bisognose cioè, come pagano le bollette, come pagano gli affitti, come comprano da mangiare e come fanno a campare se non lavorano.

Allora c’è da chiedersi: a cosa è servita la richiesta con relativa autocertificazione inviata al comune con posta elettronica e non solo?

Ecco perchè non sarebbe stato necessario importunare al telefono le persone per fare domande investigative in modo quasi indiscreto. Quando si sospettano dichiarazioni di autocertificazioni sospetti esiste per fortuna in Italia la magistratura per indagare. La verità potrebbe essere un'altra: a gestire l'emergenza ci sono persone incapaci.

Rimane fino ad oggi una sola certezza con una sola domanda: i buoni spesa erogati dalla Regione Sicilia che fine hanno fatto? Chi li ha visti?

Banner Splash.jpg